SITOX
Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3
20129, Milano
C.F. 96330980580
P.I. 06792491000
T. 02-29520311
sitox@segr.it
iso-9001
contattaci

News dai social

SITOX è presente sui principali social network, per dare visibilità alla sua attività, divulgare le tematiche di studio e mettere a conoscenza gli utenti degli eventi organizzati.
In questa pagina è possibile visualizzare tutti i post che pubblichiamo anche su Facebook.

13 febbraio 2019
span-class-medium
#Ecstasy: come agisce sul cervello e perché è dannosa

Viene chiamata ecstasy ma il suo vero nome è #MDMA (3,4 metilendiossi-metamfetamina) ed è una sostanza anfetaminica allucinogena. La facilità e l’economicità della produzione fanno sì che il prezzo allo spaccio sia basso e che quindi sia acquistabile facilmente dai giovani.

Viene venduta in pastiglie di diverso colore e forma e ne esistono più di 200 “tipi”. L’ecstasy presente sul mercato non contiene solo MDMA, le pastiglie vengono spesso adulterate e #mischiate ad altri farmaci o ad altre sostanze (eroina, steroidi, cocaina, amfetamina, veleno per topi, fibra di vetro, vermifughi, anestetici, insetticidi, pesticidi ecc.).

Scoperta nel 1912 in Germania dai ricercatori della #Merck, è stata brevettata nel 1914 come anoressizzante ma ben presto si è capito che questo farmaco era dotato di attività psicotrope. Viene usata infatti dai #giovani proprio perché provoca #euforia, maggior capacità di comunicare con gli altri, aumento del #desiderio sessuale e potenziamento delle #sensazioni e delle #percezioni.

Provoca anche esperienze #depersonalizzanti, lievi disturbi delle percezioni sensitive nonché stati di psicosi con allucinazioni della durata di diverse ore e insonnia pronunciata.

Questi sintomi sono dovuti soprattutto all’aumento delle concentrazioni cerebrali di #serotonina, un neurotrasmettitore implicato nel controllo della temperatura corporea, nella coordinazione delle attività intestinali e nella regolazione del sonno e che svolge una importante funzione sulla variazione dell’umore.

Il problema fondamentale dell’uso del MDMA sono gli altri effetti che questa molecola può determinare come la forte #ipertermia, la coagulazione intravasale disseminata e l’#epatite fulminante. Inoltre, da segnalare anche la potenziale neurotossicità di questa sostanza.

Anche se la comunità scientifica è ancora divisa circa il potenziale pericolo della #neurotossicità indotta dall’ecstasy, evidenze scientifiche nell’uomo fanno propendere per un effetto tossico su alcune popolazioni neuronali generalmente negli utilizzatori cronici (Benningfield and Cowan, 2013).

Inoltre, l'ecstasy è spesso erroneamente considerata dai giovani una droga "innocua", probabilmente a causa dell’aspetto con la quale viene venduta (pastiglie vivacemente colorate con divertenti loghi), ma come abbiamo visto può essere estremamente pericolosa.

Guarda l'intervista alla Prof.ssa Patrizia Romualdi (Alma Mater Studiorum - Università di Bologna) che spiega i danni dell'Ecstasy: https://www.youtube.com/watch?v=9yb_1Y2jQd4
Invia un messaggio a SITOX
Riceveremo il tuo messaggio e la segreteria ti ricontatterà il prima possibile.


SITOX | Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3 - 20129 Milano | Tel: 02-29520311 | Email: sitox@segr.it