SITOX
Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3
20129, Milano
C.F. 96330980580
P.I. 06792491000
T. 02-29520311
sitox@segr.it
iso-9001
contattaci

News dai social

SITOX è presente sui principali social network, per dare visibilità alla sua attività, divulgare le tematiche di studio e mettere a conoscenza gli utenti degli eventi organizzati.
In questa pagina è possibile visualizzare tutti i post che pubblichiamo anche su Facebook.

22 aprile 2016
violenza-e-droghe-da-s
Violenza e droghe da stupro.

Nella prima giornata nazionale della #salute della #donna, #SITOX ricorda il pericolo legato alle cosiddette droghe da stupro.

Nelle aggressioni sessuali perpetrate mediante somministrazione di sostanze (alcol e/o farmaci) la vittima è sottoposta a un rapporto sessuale al quale non è consenziente mentre è incapacitata o incosciente, ed è quindi incapace di opporre resistenza o di esprimere il proprio consenso. I DFSA (Drug Facilitated Sexual Assault) rappresentano una problematica sanitaria e sociale di crescente interesse in tutto il mondo. Negli ultimi anni il Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri, insieme al Centro Antiveleni di Pavia e all’Istituto di Medicina Legale dell’Università Cattolica di Roma, ha studiato il fenomeno in Italia. Il progetto VARD (Violence And date Rape Drugs) ha riguardato i pazienti valutati in pronto soccorso o presso i servizi di Soccorso Violenza Sessuale per riferita violenza sessuale e che presentavano (1) parziale/completa amnesia per l’evento, e/o (2) sospetta somministrazione di sostanze incapacitanti, e/o (3) assunzione volontaria di sostanza d’abuso, e/o (4) segni/sintomi di intossicazione. In 4 anni sono stati inclusi nel progetto 90 pazienti, con un’età media di 26 anni e di cui il 98% donne. Tra le modalità di somministrazione della sostanza incapacitante, il drink spiking (somministrazione della sostanza mediante aggiunta alla bevanda della vittima) è stato ipotizzato dai pazienti nel 45% dei casi. Un’amnesia totale per l’accaduto è stata riferita nel 38% dei casi. L’aggressore è risultata una persona già conosciuta dalla vittima nel 39% dei casi. Al momento della presa in carico, dopo una media di 21 ore dalla riferita violenza, il 23% dei pazienti non presentava alcuna lesione fisica o sintomi di intossicazione. Le analisi effettuate sono risultate positive per alcool in più di un quarto dei casi. Altre sostanze rilevate sono risultate ansiolitici, cocaina, sostanze d’abuso diverse dalla cocaina e farmaci.

In conclusione sostanze incapacitanti quali alcool, farmaci e sostanze d’abuso vengono frequentemente rilevate nei campioni biologici delle vittime di violenza sessuale. L’assenza di lesioni o di segni/sintomi di intossicazione al momento della valutazione medica non permette di escludere questo tipo di evento.

#SD16
Invia un messaggio a SITOX
Riceveremo il tuo messaggio e la segreteria ti ricontatterà il prima possibile.


SITOX | Società Italiana di Tossicologia
Via Giovanni Pascoli, 3 - 20129 Milano | Tel: 02-29520311 | Email: sitox@segr.it